_________________________________________________________________________________________________________

venerdì 12 marzo 2010

Prospettive

Questo post NON vuole aprire discussioni sulle esperienze di ciascuno sull’avere figli… semplicemente è una mia riflessione su quello che mi sta accadendo, un mettere nero su bianco la tempesta di sentimenti che provo, è un post… per me

Questi sono giorni duri per me e Giorgio, una seconda speranza di diventare genitori è nuovamente caduta; stavolta più consapevoli, scottati dall'esperienza precedente, e forse più disposti a guardare al futuro con nuove prospettive.

Quello che la vita ci riserva non è dato saperlo, ciò che possiamo fare è custodire e riflettere sulle esperienze che facciamo e che, giorno dopo giorno, nel bene e nel male, costruiscono noi stessi.

So che è prematuro fare discorsi pessimisti, se ne sentono di tutti i colori, ma quando si prendono le tegole in faccia è anche legittimo chiedersi se c’è un perché e cercare di difendersi da quelle che potrebbero ancora arrivare.
La vita è un dono misterioso, la si può amare e desiderare, ma mai pretendere; e per quanto ci siano fortunatamente cure e tecniche in grado di alleviare e anche risolvere il dolore di quelle coppie che con difficoltà cercano di realizzare il sogno di una famiglia, non dobbiamo mai dimenticare di avere rispetto per questo dono che non viene da noi; cercare di “gestire” bene la nostra, di vita, cercando di dare un significato ai nostri giorni è già secondo me un segno di questo rispetto.

In quest'ottica guardiamo avanti fiduciosi e positivi, sperando in belle sorprese e in analisi esaurienti; guardiamo indietro cercando nelle batoste la forza per rinsaldare il nostro rapporto e la gioia di non essere soli, ma di essere vicini l'uno all'altro nella ricerca della nostra felicità.

Guardiamo al senso del nostro stare insieme, senza precluderci prospettive, ma disposti a tenerci per mano e a camminare insieme, nella buona e nella cattiva sorte.

In questi giorni tra l'attesa che la natura faccia il suo corso e una nuova operazione, nella consapevolezza di quel periodo scocciante di limbo in cui tutto dovrebbe rimettersi a posto, e con questo grande punto di domanda sul futuro mi sento come un albero che ho visto in mezzo al deserto egiziano: rinsecchito e contorto eppure vivo, prospettiva a 360° su un paesaggio senza barriere ma difficile ed ostico, frustato dal vento che lo piega (ma non lo spezza!) e che si insinua tra le pieghe della sua corteccia... e che forse a volte gli fa anche un po' di solletico...

IMG_0409-web

6 commenti:

Sibia ha detto...

Mi spiace un sacco.. Un abbraccio fortissimo!!

AbcHobby.it ha detto...

un grande abbraccio e un bacio!!
eli

°°Marsh-Mellow°° by B@ ha detto...

quando Dio nella sua misericordia ci mantiene al sicuro e quando tutto ci sembra sotto il nostro controllo, viviamo superficialmente, vanamente, confidando nella nostra sapienza e forza e sentendoci sicuri di noi stessi… Ma quando Dio ci mette alla prova, allora siamo spaventati, depressi e non sappiamo più cosa fare...sono certa che presto quell'albero rinsecchito nel bel mezzo del deserto troverà la forza e la speranza per riaddrizzarsi....la cosa importante e' crederci , crederci fino in fondo sempre e comunque . Non sono tegole che ci arrivano nei denti anche se possono sembrarlo .... sono lezioni di vita che ci rendono forti . E quando il vostro momento arriverà e ne sono piu' che fiduciosa sarete due genitori magnifici e avrete il bimbo piu' fortunato del mondo !! ti abbraccio ... Barbara

Petunia ha detto...

Ti capisco bene: in questo momento tutto sembra vuoto, confuso.. Ci sono passata anch'io, mi sembrava impossibile che il mio grande desiderio di maternità non potesse avverarsi, tutto mi appariva così ingiusto, un peso troppo grande da affrontare. Perchè proprio a me?..
Quante domande e ancora oggi, a distanza di tanti anni, ricordo perfettamente i momenti (tanti, purtroppo) della delusione, dello scoramento, la consapevolezza che ancora una volta il sogno non si era realizzato.
E poi un giorno, quando ormai quasi non ci speravo più, il sogno si è realizzato e ho due figlie meravigliose...
Sii come quell'albero, mi sembra sia l'atteggiamento giusto.
Un abbraccio affettuoso.
Petunia

elena fiore ha detto...

Parole
poche.
Bacione.
grande.
:-)
elena

Nora ha detto...

Quante similitudini... Siamo passate attraverso profonde delusioni, attese interrotte, per poi ritrovarci ad attendere maggio con una consapevolezza nuova.
Se guardo indietro, mi rendo conto di essere stata fortunata: mi hanno riscontrato una mutazione genetica, hanno trovato la cura giusta... e anche per me è arrivata una stagione nuova.

Sono contentissima di sapere che c'è un'altra donna in attesa di coronare il suo sogno! Evviva la nostra primavera!

Un abbraccio...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...