_________________________________________________________________________________________________________

mercoledì 5 dicembre 2012

I am Rich (not for money…)

Dopo gli ultimi due weekend posso affermare con certezza che aprire un blog è stata una delle cose migliori che abbia fatto nella mia vita.

Ma andiamo per ordine…

Il 25 novembre ho convinto Giorgio (Michele mi appoggiava in pieno, lui ama il craft, anche se ha solo 7 mesi…) ad andare a Verona per il Festival dell’Handmade.
Non so se era il bicchiere di vino sorseggiato a pranzo, o forse più l’atmosfera creativa, la location splendida, fatto sta che ho abbandonato la timidezza e invece di fare la solita scena muta mi sono presentata agli espositori come la.daridari, con il timore di non essere riconosciuta, o di essere presa per pazza o peggio ancora come una presuntuosa che pensa che tutti la conoscano. Beh, la sorpresa è stata non solo l’essere riconosciuta ma soprattutto essere accolta con affetto. Ho abbracciato persone che conosco via etere da mesi, alcune da anni.

Mi sono resa conto che la virtualità della rete è in effetti molto più vera di quanto non si pensi, perchè muove persone reali. Che se uno ci mette se stesso in quello che fa, viene riconosciuto anche attraverso uno schermo. Che fare il personaggio non paga, perchè alla lunga è l’essere autentici e sinceri che ti rende credibile.

Non parlerò della qualità della selezione degli espositori, davvero molto alta e varia, di cui potete leggere in molti blog e riviste online, ma dell’effetto che personalmente mi ha fatto questa visita. Mi sono sentita parte di un gruppo immenso eppure coeso di persone, appassionate, creative, attive… ho fatto il pieno di sogni ed energia.
Purtroppo, presa com’ero dalle chiacchiere, non ho fatto nessuna foto, ma qualche assaggio lo trovate qui.

Lo scorso weekend, l’1-2 dicembre, come avevo scritto, ho partecipato a un mercatino in provincia di Bergamo.
Ho detto sì perchè mi è sembrata una proposta fin da subito molto rilassata: diverse partecipanti sono molto impegnate, chi con i figli, chi con il lavoro, chi con i propri problemi personali… e io, con un bimbo piccolo, sarei stata felice di partecipare anche con solo qualche decorazione natalizia. Il gruppo organizzatore era composto perlopiù da scrappers, e lo scrapbooking io proprio non lo conosco; mi piacciono le carte, la precisione e la meticolosità con cui vengono realizzate le creazioni, e ammiro gli scrappers per questo, ma per ragioni di coerenza, di tempo, di risorse e di feeling, non mi ci sono mai cimentata. Conoscevo solo una di loro, ma l’opportunità di conoscere delle creative che abitano vicino a me era troppo ghiotta, e mi sono buttata… e per fortuna!

La sorpresa, in questo caso, è l’entusiasmo che minuto dopo minuto ha contagiato tutte, e il grosso bagaglio carico di amicizia che ci siamo portate tutte a casa.
Questione di feeling, gusto, correttezza, organizzazione, attenzione per il dettaglio (c’era un banco per confezionare i regali con sacchetti di carta fatti a mano!!!): nella sala comune del B&B che ci ha ospitato abbiamo avuto un andirivieni continuo di gente, abbiamo intrecciato le nostre conoscenze, scoprendo che il mondo a volte è proprio piccolo. Abbiamo condiviso torte, caffè, pizza, chiacchiere, trucchi del mestiere, tecniche, idee nuove da mettere in pratica, figli e mariti.

Al di là del successone di vendite, davvero inaspettato per me, è l’atmosfera che si è creata che mi ha colpito, e che ancora mi scorre nelle vene, insieme al simpatico virus del vomito e del cagotto che mi ha steso questa mattina.
Qui un collage con alcune immagini, ne manca una, la più importante… ci siamo dimenticate di farne una tutte insieme!

Senza titolo-1 copia

Mi porto a casa l’orgoglio di essere donna: ho conosciuto donne toste, ma toste per davvero, con storie diverse alle spalle; niente di straordinario, per la verità, vite normali che diventano speciali giorno dopo giorno perchè vissute con amore e consapevolezza, con forza di volontà e tenacia. Grazie, ragazze, dal più profondo del cuore!
Io voglio essere una donna così, nel mio modo personale e unico. E mi piace cercarmi e raccontarmi anche sulle pagine luminose di questo blog, un puntino nel mare immenso si Internet, ma per me, ormai, di vitale e irrinunciabile importanza.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

aspettavo questo post così partecipato e vero!
E' vero manca la foto tutte noi uff. Hai saputo esprimere perfettamente l'atmosfera che si è creata al mercatino, davvero unica e ce la porteremo addosso a lungo.
Ah mi spiace assai per i problemi cagottosi.
Io ho imparato tanto in questi 2 giorni, a livello creativo soprattutto la teoria dei grandi numeri, ma ben altro a livello di sensazioni sul come portarsi come persone senza etichette e vivere il gruppo semplicemente per come si è. GRAZIE Sandra frollini

Anonimo ha detto...

che bello! Io dai blog che leggo attingo sempre qualcosa di buono...un pensiero, una dritta, un consiglio anche dato involontariamente...e il tuo di blog è sempre in cima alla lista di quelli che "frequento" quotidianamente.Mi raccomando continua così, anche perchè fra quattro mesi nascerà la mia terza figlia e avrò bisogno di un po' di "compagnia" anche via web!!!
Brava e complimenti per tutto

una tua affezionata

Barbara F.

Elisa Moroni ha detto...

Ma che bellissimo post Daria!!!
Le emozioni e le sensazioni che hai descritto le ho provate identiche in altri eventi, magari più piccoli, meno importanti, ma con persone meravigliose con cui trascorrere ore in armonia, con cui condividere risate e creatività... chissà che prima o poi non ci si incontri anche noi ;o)
Un bacione
Elisa

Gizeta ha detto...

La daridari :), che belle parole piene di poesia si respirano in questo resoconto...dal canto mio sono in cammino un pò silenziosa al momento, ma "cre-attiva" ed ho approfittato anch'io per es. delle piccole stelline origami o delle stelle modulari per il mio albero : dentro quest'ultime sembra proprio che una poesia c'entri ;)

pasita ha detto...

Ah......ma allora sei anche scrittrice! Insomma ti viene bene proprio tutto! Hai detto cose molto belle e hai fatto sembrare il nostro mercatino un evento importante. Per noi che lo abbiamo vissuto sicuramente lo e` stato. Vorrei che non fosse già un ricordo. Mi consola sapere che e` un BEL RICORDO! Grazie di tutto.
Ps: oltre a dire macagio dici anche cagotto ..... Ma perché non ti ho scovata prima?
A presto......prestissimo!!!!!!

il contatto naturale ha detto...

Grazie della testimonianza!
l'entusiasmo è una qualità molto importante e contagiosa!
ciao

Simona pegliese ha detto...

Il tuo entusiasmo è contagioso! Sono veramente sensazioni meravigliose.
Grazie per averle condivise e... felice Avvento a voi. Un bacino a Michele!

Angela ha detto...

...come mi sarebbe piaciuto essere tra voi!!!

elena fiore ha detto...

Oh, ma che splendido post, letto in una sorsata! Mi è strapiaciuta (e condivido) la frase "...che fare il personaggio non paga, perchè alla lunga è l’essere autentici e sinceri che ti rende credibile".
Brava Daria e w noi belle donnine dentro e fuori :-)))
e°*°

Angela ha detto...

Bellissimo resoconto!!! :-)
io come sempre sono indietro, ma quello che conta al moemnto è che sono felicissima di esserci stata, di avervi incontrato tutte, di aver respirato la passione e la creatività...mi sento decisamente felice dopo quelle due giornate!! :-)
Spero davvero a presto!!
Un abbraccio!

CriCri ha detto...

che bel post.. si senti davvero che sei stata proprio bene!! L'incontro con chi ha le tue stesse passioni è sempre gratificante! Sono contenta che tu ti sia divertita, sicuramente avrai saputo cogliere tantissime cose che presto ci farai vedere tramutate in creazioni! un caro abbraccio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...