_________________________________________________________________________________________________________

domenica 4 marzo 2018

A 40 anni mi regalo l’atelier

E’ passato più di un anno, lo so.

Chi mi segue su Facebook o su Instagram avrà visto che non mi sono fermata, anzi.  Ma so che qualcuno mi legge più volentieri da qui, dove c’è più tempo e più spazio, e quindi vorrei riassumere in questo post il lungo percorso interiore che ho fatto durante questo silenzio. Sì, perché non ho scritto, ma dentro di me è accaduta una rivoluzione.

Già da tempo il mio venerdì “creativo” mi andava stretto: accadeva sempre più spesso di dover incastrare in quelle poche ore troppe idee, tante cose da cucire, nuovi prodotti da sperimentare, e ahimè talvolta commissioni urgenti di tutt’altra natura o bambini ammalati. Insomma, anziché godermelo il più delle volte era una corsa contro il tempo.

In più, quest’estate ho avuto il coraggio di ammettere a me stessa che il mio lavoro ufficiale non mi dava più soddisfazione; non che fosse brutto, anzi, ma non mi stimolava più come prima; più volte mi chiedevo alla scrivania “ma cosa ci faccio qui?” oppure “quanto manca all’uscita?”…. cosa che in 15 anni non mi era mai capitata.

Quest’anno compio 40 anni… ok, è un numero importante: da un certo punto di vista fa un po’ paura ma a me sinceramente fa anche molto orgoglio: quanti doni ho ricevuto dalla vita fino a qui? Ma non è un traguardo: io lo vedo come una svolta, ho ancora tanto da dare e da imparare, solo che ho bisogno di farlo in un modo nuovo.

Ho dovuto fare uno sforzo enorme per liberarmi dalla logica, dal buon senso comune, e alla fine l’ho fatto:  ho lasciato il mio lavoro. Un lavoro sicuro, part time, abbastanza flessibile e vicino a casa. Una pazzia. Avrei potuto starmene buona e accontentarmi di quello che avevo, e non era poco. Ma immaginavo me stessa nel futuro: economicamente senza problemi, ma grigia dentro. Con tanti se senza risposta.
E io le risposte le voglio dare, adesso più che mai.
Positive spero, ma anche fossero negative è questo l'unico modo per essere in pace con me stessa.

Comunque andrà, avrò insegnato ai miei figli a sognare e provare e lottare per i propri sogni.

Per i 40 anni mi regalo l’atelier. Quante volte l’ho detto, e adesso lo sto facendo!
Tutto ciò che ho scritto e pubblicato fino ad ora su queste pagine hanno contribuito a questa decisione. Ho conosciuto persone in gamba, che hanno saputo mettersi in discussione, spesso perchè nella mia stessa situazione. Che si sono costruite un lavoro su misura per poter andare incontro ai propri clienti, alla propria famiglia e a se stesse.

E così riparto da 40. Con l’esperienza accumulata in questi anni, con la voglia di fare le cose per bene, con l’entusiasmo e la paura che si hanno prima di un bel volo.

3…2…1… FLY!

Condivido anche qui alcune delle immagini che ho pubblicato su Instagram e che rappresentano visivamente questo percorso.

IMG_20180208_193717_070

IMG_20180108_222134_684

IMG_20170714_135004_764

6 commenti:

Paola ha detto...

Complimenti il coraggio a noi donne non manca. Se tu ricominci da 40 io sto ricominciando da...60. Anch'io ho lasciato un lavoro da libera professionista con tanto di studio, che mi ha dato tanto per ben trent'anni, ma anch'io a un certo punto ho detto basta e fatto punto e a capo. E anch'io ho aperto il mio atelier. Ti auguro tanta fortuna.
Paola

il contatto naturale ha detto...

Buona fortuna cara Daria!

Sandra ha detto...

Caspita!
Ti ho sempre ammirata per lucidità di testa, onestà intellettuale e creatività.
Io ho fatto una scelta non proprio così estrema, ma 2 anni fa ho chiesto un part time verticale che ho lottato molto per avere, in pratica ora lavoro 12 giorni al mese tutti attaccati (escluso sabato e domenica) e per il resto scrivo e faccio la zia.
Spesso è comunque una corsa anche così, per la casa, perché quando non lavoro capita che mi chiamino dall'ufficio, imprevisti, mamma anziana ecc. ma davvero è stata una scelta vincente.
Non c'è troppo posto nella vita per essere grigi, tocca studiare strategie e soluzioni.
Tantissimi auguri per questa svolta, spero tu ti ricorda di me, sono Sandra Frollini mercatino Pasita ecc.

la.daridari ha detto...

Paola: grazie, auguri a te per la tua attività... Vedi, sei la dimostrazione che i sogni non hanno età!

Phoebe: grazie di cuore

Sandra: Certo che mi ricordo di te, Sandra!!!!!
Ci sono sentimenti ed esperienze che una volta condivisi non si possono dimenticare!
Ti ringrazio per le tue parole, e ti faccio i miei complimenti per la tua scelta, che pure se non estrema, denota una grande capacità di mettersi in gioco, e in questo tu sei sempre stata un'esperta, in vari ambiti della vita.
Hai ragione, il tempo non lo vogliamo perdere restando grigi, le strategie e le soluzioni che si trovano ci fanno solo bene, come esseri umani ancor prima che come lavoratori.
Un bacione e auguri per i tuoi progetti...

Gizeta ha detto...

Congratulazioni ! avere il coraggio di realizzare i propri sogni è una vera conquista, che sia di buon auspicio a me, da poco 40enne, e agli altri ;)

Anonimo ha detto...

Your way of explaining the whole thing in this piece of writing is in fact pleasant, every one be able to without difficulty know it, Thanks a lot.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...