_________________________________________________________________________________________________________

giovedì 12 marzo 2020

Festa del Papà–Biglietti fai da te

Fare biglietti di auguri è un modo semplice per risvegliare la creatività, e trovo che siano sempre molto graditi da chi li riceve.

Settimana prossima ci sarà la Festa del Papà e dato che ogni occasione è buona per festeggiare, ti propongo un tutorial che ho pubblicato su CasaFacile per realizzare dei biglietti d’auguri fatti a collage con la carta delle riviste.





Avevo già proposto dei biglietti natalizi in passato, qui utilizzo dei collage più astratti, che a seconda dei colori usati possono andare bene per qualsiasi occasione. Tieni sempre presente questa idea, che oltretutto è anche ecologica ed economica!

Trovi il tutorial su CasaFacile, qui ti propongo alcuni scatti d’ispirazione…





mercoledì 4 marzo 2020

Le Tovagliette Pocket

Le tovagliette Pocket sono uno dei primi prodotti che ho ideato e realizzato. Forse perché la loro forma semplice mi ispira facilmente abbinamenti di colori, forse perché la casa è uno degli ambiti in cui mi piace progettare.

Nel corso del tempo le tovagliette fatte da me hanno subito variazioni e migliorie. Sono partita dal modello di Lotta Jansdotter, che ho poi modificato; questo modello l’ho usato per diversi anni, soprattutto quando usavo tessuti acquistati. Quel taglio che formava la tasca per le posate e il tovagliolo è stata perfezionata negli anni per evitare sfilacci, ed era molto laboriosa da fare. Ma alla fine non mi convinceva il fatto che se non fosse stata usata, la tasca fatta così si percepisse come una sorta di buco, di strappo, che in qualche modo rovinava l’estetica della tovaglietta.



Dall'anno scorso, da quando ho iniziato a dipingere tessuti, ho pensato un modello ancor più lineare, che potesse dare una percezione ancor più bidimensionale della tovaglietta, come se fosse un quadro. Che desse risalto ai colori e al tessuto stampato a mano, senza però perdere la particolarità della tasca, che è non solo utile, ma anche un tocco di originale funzionalità (non a caso le ho chiamate Pocket!).

Così via di semplici quadrati e rettangoli, qualche ritocco delle misure ed ora il modello 3.0 delle tovagliette è quello che trovi ai mercatini e nello shop.



Le misure sono 49x35 cm, sempre abbastanza grandi per appoggiare piatto, bicchiere, tovagliolo e posate e una porzione di ciotola o il pane.



L’area riservata al piatto è diventata esattamente quadrata, per una maggiore resa geometrica dell’apparecchiatura, la tasca si è allargata e può contenere comodamente il tovagliolo piegato e le posate, e volendo anche un piccolo segnaposto. Se non utilizzata, la tovaglietta rimane piatta e l’effetto è quello di un patchwork di tessuti.



Per dare maggiore risalto alla stampa, utilizzo molto di più le tinte unite e le fantasie geometriche semplici, come righe o quadretti, ma non escludo di usare ancora fantasie in futuro nel momento in cui l’abbinamento con la stampa non sia troppo confusionario o su richiesta.



Nello shop c’è la sezione dedicata alle tovagliette, acquistabili singolarmente per creare diverse combinazioni di colore o una tavola uniforme a seconda dei tuoi gusti; se invece stai cercando dei colori o delle stampe in particolare c’è la possibilità di chiedere una personalizzazione, sia sullo shop che direttamente contattandomi via mail a info@ladaridari.com

mercoledì 19 febbraio 2020

Inspiring Collections–Quaderni

Ricoprire i quaderni di recupero di questo post mi a fatto ricordare quanto mi piacciano i materiali da cartoleria.
Da piccola collezionavo matite e gommine colorate, adesso prediligo i quaderni, sia come regalo, sia per scrivere idee e appunti su diversi argomenti: ricette, disegni di prodotti o pattern ecc.

Te ne propongo alcuni, rigorosamente handmade e italiani, che ho trovato su Etsy… piacciono anche a te?

La Tua Momis, con la copertina stampata a mano



Burabacio, uno stile inconfondibile e tematiche particolari



Lisa Ciccone, così piccoli da portarli sempre con sè



Bivio Lab, pk queste sono custodie per quaderni, ma sono implementabili e ben progettate, piene di taschine e molto di design



Parallelo Lab, perchè anche la rilegatura vuole la sua parte



NanoFaBel, la pazienza di ricamare la copertina con colori bellissimi



BobluUpcycledPaper, il cui interno è tutto in carta di recupero, ogni pagina è diversa dall'altra, una sorpresa continua.



e tu, quale preferisci?

mercoledì 5 febbraio 2020

Una Custodia per i tuoi libri preferiti

Se mi segui da un po’ sai che al Libraccio di Curno puoi sempre trovare qualche mio prodotto in vendita.
Ogni volta che passo in negozio è come andare a trovare degli amici, e se c’è abbastanza tranquillità è sempre un piacere fare due chiacchiere con Marcello e il suo staff. L’ultima volta parlavamo di alcune richieste che gli erano state fatte da alcuni clienti.
Diversi appassionati lettori infatti chiedevano se non esistesse qualcosa che potesse proteggere i libri nella borsa o nello zaino, in modo da poterseli portare ovunque senza il rischio di rovinarli.
Così ci è venuta l’idea di realizzare delle custodie imbottite, ovviamente in tessuto stampato a mano, con un’asola elastica che si chiude con un grosso bottone in tinta.





Ne abbiamo pensate di tre diverse misure: la S, per i tascabili economici, perfetti per essere portati in viaggio. La M, per i cartonati di piccole dimensioni o le copertine flessibili un po’ più grandi; e la L, per cartonati grandi ed edizioni deluxe.





Verificando le dimensioni, possono essere anche degli ottimi porta-kindle o custodie per tablet.



Potrebbe essere un’idea regalo per gli appassionati lettori del vostro cuore…



Le potrete trovare il 9 febbraio 2020 a Verona, al Festival dell’Handmade, e al Libraccio di Curno e su ordinazione nello shop.

martedì 28 gennaio 2020

Ricordi dell’Open Lab di Dicembre

Il mese scorso ho deciso di aprire le porte del laboratorio per incontrare direttamente persone interessate al mio lavoro e salutarle di persona.

Per me è stata un’emozione grandissima, e anche se all’ultimo momento ci sono state alcune defezioni, e la cerchia degli invitati era piuttosto ristretta, l’esperienza è stata sicuramente positiva e credo che sarà una formula che riproporrò in futuro.

Per chi non ha potuto venire, volevo condividere qui alcune delle immagini del laboratorio “vestito a festa”, così da poter dare anche a chi abita lontano di vedere il luogo che tanto amo e che mi ispira.

Entrando, la vista era questa: le grandi vetrate, le tende colorate, e tanti prodotti da guardare e toccare…

Avevo anche allestito una zona con tutti gli strumenti di lavoro: la macchina da cucire, la tagliacuci, il ferro da stiro…

… e tutti gli oggetti che usa per la stampa sul tessuto

Avevo organizzato i prodotti per colore, in modo che si potesse avere un’idea globale dei colori utilizzati per ciascuna collezione.

C’era anche un angolo dedicato ai colori e ai motivi più natalizi.

E avevo preparato un piccolo cadeaux per ciascun partecipante: una tag in feltro stampata con dei timbri intagliati a mano con motivi di cristalli di ghiaccio.

Poi c’era l’angolo con bevande calde e biscotti a volontà…

Insomma non è stata solo l’occasione per vendere i prodotti, ma soprattutto un modo per incontrare e conoscere meglio i miei clienti. Spero che questi open lab possano diventare un appuntamento gradito per tutti coloro che seguono l’artigianato e apprezzano uno stile colorato e geometrico come quello che mi piace proporre.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...